Plafoniere

Le plafoniere si compongono di una base in alluminio cromata o colorata che aderisce al soffitto su cui si trovano installati i fili e la lampadina, un vetro generalmente opaco e chiamato diffusore chiude tutto e ripara i componenti elettrici.

La forma più conosciuta è quella tonda, ma esistono plafoniere davvero particolari che si adattano a tutti i tipi di arredamento.

Le plafoniere uniscono all'estetica la praticità: diffondono la giusta dose di luminosità. Sono ideali da applicare sui soffitti bassi dove lo spazio non deve essere sprecato ma valorizzato, e nelle stanze che pur avendo un soffitto di altezza normale sono piuttosto piccole. Una plafoniera permette di muoversi all'interno di una stanza liberamente e in totale sicurezza, per questo spesso sono scelte per illuminare le camerette dei bambini.

Grazie al basso consumo di energia che offrono le luci a led, ... continua


Articoli su : Plafoniere


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
        prosegui ... , le plafoniere a led occupano sempre più spazio negli scaffali dedicati all'iluminazione. I led si trovano posizionati su un materiale che ha proprietà riflettente. Quando il fascio di luce lo attraversa, questa viene proiettata all'esterno. La struttura di un led è molto solida e si trovano anche all'interno di lampadine moderne che durano molto di più di quelle tradizionali e possono illuminare per cicli di 100 mila ore.

        I led non hanno bisogno di molta corrente elettrica per funzionare e non disperdono l'energia sotto forma di calore. Sono attive anche a basso voltaggio e la loro luce è molto intensa. Le aziende di design hanno progettato plafoniere a led che arredano e conferiscono agli ambienti un aspetto moderno e all'avanguardia. a corretta definizione delle lampade neon è "lampade fluorescenti tubolari" o "a vapori di mercurio a bassa pressione" perché contengono appunto mercurio e non neon.

        Le lampade neon sono costituite da un lungo tubo di vetro al cui interno si trova un gas nobile (solitamente l'argon) e una piccola quantità di mercurio liquido. Alle due estremità sono installati gli elettrodi che generano un flusso di elettroni, questi scontrandosi con il mercurio liquido emettono radiazioni ultraviolette. A contatto con il materiale che riveste il tubo, gli elettroni si trasformano in luce visibile.

        Le plafoniere neon sono utilizzate soprattutto negli uffici perché emettono una luce piuttosto fredda, anche se sono state sviluppate plafoniere neon con tonalità più calde utilizzabili in qualunque tipo di ambiente. Ed ora vediamo insieme come installare una plafoniera. La prima cosa da fare per questo tipo di lavori è staccare la corrente elettrica e indossare dei guanti tipici da elettricista. Poi bisognerà assicurarsi di avere un trapano e il cacciavite adatto alle viti di supporto della plafoniera. E' necessario individuare il punto esatto in cui avverrà il fissaggio, di solito in corrispondenza dei cavi già presenti sul muro, e tracciare con un pennarello dove effettuare i fori con il trapano.

        In seguito posizionare la base della plafoniera e avvitare. Collegare tutti i fili e sistemarli in modo che non fuori escano. Avvitare la lampadina e chiudere con il vetro diffusore, avendo cura di agganciarlo solidamente. Spesso questa può risultare un'operazione molto difficile, talvolta sono presenti delle piccole fessure per i ganci, il consiglio è di far ruotare il diffusore sino a quando non si sente il "clack" dell'aggancio riuscito. Riattaccare la corrente e godere della luce della plafoniera.