Termosifoni

I termosifoni hanno la funzione di irradiare calore e sono costituiti da elementi modulari. Affinché essi possano riscaldarsi, è necessario che siano collegati a una fonte di calore, generalmente a una caldaia a gas, ma anche a una stufa o ai pannelli solari, in grado di riscaldare l'acqua immessa nei radiatori attraverso i tubi dell'impianto di riscaldamento. Ciascun radiatore è dotato di tre valvole che ne regolano il funzionamento e l'efficienza: il termostato, la valvola di spurgo e il detentore. Il termostato è costituito da una manopola che serve a regolare la quantità di acqua che scorre negli elementi, affinché il termosifone irradi più o meno calore. Agendo sul termostato è possibile spegnere completamente il radiatore per interrompere il riscaldamento in un ambiente non utilizzato. La valvola di spurgo serve a eliminare la presenza di bolle d'aria nel calorifero, ... continua

Articoli su : Termosifoni


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • I termosifoni

      Termosifone moderno a spirale Con l'evoluzione dell'interior design, gli appartamenti moderni si sono arricchiti di elementi d'arredo sempre più nuovi. Strutture esteticamente poco eleganti come i vecchi termosifoni a piastre sono
    • Impianto di riscaldamento

       impianto di riscaldamento Con impianto di riscaldamento si intende l'intero sistema di produzione e distribuzione di calore, che permette di riscaldare gli ambienti della casa e di fornire acqua calda. Le attuali norme per le
    • Termosifoni, elementi indispensabili per il comfort

      Termosifoni prezzi I termosifoni sono utili e non se ne può fare a meno soprattutto in inverno quando riscaldano gli ambienti interni. Il mercato offre diverse tipologie di termosifoni. In bagno ora sono scaldasalviette
    ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , per garantirne il riscaldamento uniforme. Il detentore regola, invece, la velocità di circolazione dell'acqua nel radiatore.

      I materiali più utilizzati per realizzare i radiatori sono la ghisa, l'alluminio e l'acciaio. I termosifoni in ghisa sono i più tradizionali e i più economici, si riscaldano lentamente e lentamente si raffreddano, per cui continuano a irradiare calore anche dopo lo spegnimento della caldaia. Sono piuttosto pesanti da trasportare e installare e più difficili da pulire. Al contrario, i termosifoni in alluminio, che oggi stanno sostituendo quelli in ghisa, sono leggeri e di facile manutenzione, ma si raffreddano velocemente tanto quanto si riscaldano. La soluzione più elegante, ma anche più costosa è rappresentata dai termosifoni in acciaio, generalmente assemblati in elementi tubolari che si sviluppano in altezza. Si riscaldano in fretta e si raffreddano velocemente, anche se più lentamente di quelli in alluminio. Sia i radiatori in acciaio che quelli in alluminio oggi in commercio sono proposti in diverse forme e colori, tanto da diventare veri e propri elementi d'arredo.

      La progettazione di un impianto di riscaldamento e la scelta dei radiatori deve tener conto di diversi fattori, come materiali, dimensioni, tipologie di casa e abitudini di chi vi abita. La grandezza del radiatore varia in relazione al volume dell'ambiente da riscaldare. Anche la tipologia della casa e la classe energetica di appartenenza influenzano la scelta non solo delle dimensioni dei caloriferi, ma anche dei materiali impiegati. Inoltre, va tenuto conto dello stile di vita personale e dell'uso che si fa della casa per capire quale radiatore è più adatto alle proprie esigenze. Per una casa abitata tutto il giorno può essere utile il termosifone in ghisa, per sfruttare il calore residuo a caldaia spenta; per case abitate saltuariamente o soltanto in alcuni momenti della giornata, che richiedono un riscaldamento immediato degli ambienti, sono più indicati i radiatori in acciaio o in alluminio.

      Prima dell'arrivo dell'inverno è necessario provvedere alla pulizia e alla manutenzione dei caloriferi. Affinché i radiatori possano funzionare in modo efficiente, prima dell'accensione dell'impianto di riscaldamento, è necessario eliminare l'aria dai termosifoni, agendo sulla valvola di spurgo finché l'acqua fuoriesce in modo continuo. Questa operazione richiede pochi minuti e va fatta per ciascun calorifero presente nell'abitazione. I radiatori vanno spolverati abitualmente con un panno e uno scovolino e lavati periodicamente con prodotti non abrasivi. I radiatori in ghisa richiedono maggiore manutenzione, perché soggetti a macchie di ruggine. In questo caso, vanno riverniciati con prodotti traspiranti e resistenti al calore. È buona norma non coprire i radiatori con mobili e tendaggi per favorire la circolazione dell'aria calda nella stanza, e usare gli umidificatori per garantire il giusto grado di umidità ambientale.