Pavimenti per Esterni

I pavimenti per esterni sono commercializzati in molti materiali diversi. Quando si sceglie la finitura per un giardino o per una terrazza diverse sono le considerazioni da fare prima di scegliere. La superficie dovrà resistere alle intemperie e agli sbalzi climatici: qui la scelta si complica in relazione al luogo di abitazione, basti pensare all'azione corrosiva della salsedine per una casa al mare o all'azione devastante del ghiaccio e della neve per le baite e le residenze in montagna. A questo punto la scelta differente dovrà essere legata al tipo di materiale con cui è costruito il rivestimento prescelto. Il mercato offre numerose possibilità: molti tipi di pietre o laterizi, mescole sintetiche, piastrelle o lunghe assi di legname. I pavimenti per esterni, insomma, possono essere realizzati generalmente in poco tempo, spesso con pose rapide o fai da te e sono in grado di adattarsi al meglio a quasi tutte le esigenze immaginabili. Si pensi, ... continua

Articoli su : Pavimenti per Esterni


ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
    • Pavimento per esterno

      pavimentazione esterna Ikea runnen Il pavimento per esterno di una casa è molto importante, in quanto aggiunge valore agli ambienti esterni come garage, giardini, entrate principali, balconi e terrazze. I materiali sono vari e i prezzi
    • Pavimentazione per esterni

      Pavimentazione per viale di accesso esterno Per giardini, terrazzi o vialetti, la pavimentazione per esterni deve essere adatta a sopportare gli sbalzi di temperature e i ripetuti sollecitamenti dovuti, ad esempio, al forte passaggio. Inoltre i
    • Pavimentazioni per esterni

      Pavimentazioni per esterno La pavimentazione per esterni deve essere realizzata in maniera tale da essere funzionale tenendo presente i gusti estetici in base ai quali si vuole dare un'impronta per l'aspetto di un giardino, di
    ordina per:  pertinenza   alfabetico   data  
      prosegui ... , ad esempio, alla resistenza della pietra: esistono in commercio molti tipi di laterizi lavorati a mattonelle (con diverse forme) o lasciati al naturale (si pensi alle pavimentazioni dette a ciottoli di fiume). La domanda sorge spontanea, tra tutti i pavimenti per esterni, come scegliere?

      Come si è visto le alternative sono numerose ed bisognerebbe cercare il giusto compromesso tra durata, resa estetica e facilità alla pulizia.

      Un buon compromesso di queste tre necessità è costituito, ad esempio da un pavimento per esterni composto da piastrelle in cotto.

      Il colore inconfondibile di questo materiale assicura una calda tonalità in grado di arredare le tipiche aree esterne delle case di campagna. Offre una buona resistenza agli agenti atmosferici ed esistono molti prodotti appositamente creati per la pulizia e la cura nel tempo. La caratteristica peculiare del cotto, infatti, è la particolare lucidatura e trattamento con cera: questo assicura una particolare resistenza alle macchie.

      Nel caso del cotto, inoltre, sono presenti sul mercato molte varianti che partono dalla stessa base materiale: si pensi, ad esempio, al gres porcellanato.

      Le varianti, poi, riguardano anche il tono con cui le mattonelle sono prodotte: dal classico rosso brunito a sfumature più chiare fino ai toni del grigio.na ottima soluzione da pavimenti per esterni è rappresentata dal legno. Molte sono le compagnie in grado di produrre e assicurare vere e proprie mattonelle in legno per pavimentare gli spazi all'aperto. Un'altra soluzione è rappresentata da particolari assi, sagomate in modo quasi casuale e progettate per avere un aspetto quasi non rifinito, in grado di integrarsi al meglio con la natura o, magari, con le linee sinuose di una piscina interrata. Negli ultimi anni, comunque, un grande competitor dei legnami prodotti in modo ecocompatibili è il bamboo. Dal punto di vista botanico il bamboo è non è un albero ma, di fatto, dopo accurate lavorazioni e trattamenti, è in grado di assicurare standard di qualità davvero molto elevati.

      Si producono con questo materiale assi e pavimenti in un tipo di parquet molto particolare con finiture di una eleganza e design davvero interessanti.

      Legno e bamboo, insomma, possono sostituire senza grossi problemi la copertura nelle più tradizionali mattonelle in ceramica o cotto. Queste coperture naturali, inoltre, assicurano un impatto ambientale molto minore di tutte le altre scelte. Tra tutti i materiali presi in considerazione per le pavimentazioni esterne, le caratteristiche delle pietre naturali obbligano di prendere in considerazione questa possibilità nel caso si debba procedere ad una ristrutturazione ad una posa ex novo.

      Si tratta di pietre utilizzate come materiale da costruzione da molto tempo, spesso fin dall'età classica. Tra le più utilizzate, il porfido assicura una resistenza straordinaria.

      Una caratteristica, forse sconosciuta agli addetti ai lavori, è il grado di scivolamento dei materiali da pavimentazione. Il porfido e altri materiali grezzi assicurano alti standard di resistenza e, perciò, di sicurezza contro pericolosi incidenti invernali o nel caso di un pavimento bagnato, ad esempio.

      I pavimenti da esterni, inoltre, dovranno garantire una resistenza agli agenti esterni come sporco, colpi o sostanze aggressive, molto superiore rispetto a quella assicurata dai pavimenti delle abitazioni o delle zone coperte.

      Tutte queste caratteristiche sono certamente assicurate dalla maggior parte delle pietre naturali a cui sarà da aggiungere un particolare effetto difficilmente ottenibile con altre soluzioni.