Biopiscina, soluzione naturale e di grande fascino

Cos’è una biopiscina

Una biopiscina è una piscina naturale che si integra perfettamente nel giardino e nell'ambiente circostante in cui si instaura un ecosistema acquatico naturale d'acqua dolce in miniatura. In questa struttura non vengono utilizzati prodotti chimici presenti invece nella piscina tradizionale ma degli strati di breccia, un efficace sistema di filtrazione dell'acqua per renderla limpida e per la zona balneabile separata da quella di rigenerazione nella quale sono collocate solo le piante. Grazie a questo sistema i processi di rigenerazione delle acque sono identici a quelli che avvengono in natura nei laghi e nei fiumi. L'alternativa ideale al sistema di filtraggio artificiale delle acque è quello naturale derivante dalle piante le quali, oltre ad essere utilizzate a scopo ornamentale ed essere presenti per la maggior parte delle stagioni, consentono di assorbire l'azoto e il fosforo disciolto nell'acqua rendendola pulita. Difatti grazie ad esse si instaura un ambiente naturale, ecologico, equilibrato e bio-sostenibile con una presenza sia micro sia macro biologica tra cui piante da superficie e acquatiche di vario tipo, batteri e fitoplancton.
Cos’è una biopiscina

Bestway 91048 - Piscina Fill 'N Fun Pool Disney Princess Arielle, 152 x 25 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,86€


Quanto costa una biopiscina

Quanto costa una biopiscina Il costo di questo tipo di piscina dipende soprattutto da diversi fattori tra cui le dimensioni, l'accessibilità e la posizione geografica. Ad esempio nella realizzazione in giardini più grandi sono molto importanti l'utilizzo di materiali come i blocchi di granito e la ghiaia per facilitare lo sviluppo della microfauna e microflora acquatica e di un efficiente sistema di drenaggio per garantire la rigenerazione dell'acqua.

Nel caso si voglia invece realizzare una struttura di dimensioni più piccole per delimitare la parte di rigenerazione e quella balneabile si può utilizzare un sistema alternativo con lastre verticali di pietre naturali tra cui il Serizzo che è molto simile al granito. Online è possiible trovare tanti siti internet in cui vengono illustrate tutte le migliori caratteristiche di una piscina di questo tipo. Se si è interessati a fare realizzare una biopiscina BioNova con blocchi di granito, ad esempio, il prezzo è di circa 300 euro per m2 pelo d'acqua mentre per quella con lastre verticali è di circa 500 euro per m2 pelo d'acqua.

  • Vasca da idromassaggio da esterno Prima di installare una jacuzzi da esterno o qualsiasi altro sistema di idromassaggio bisogna individuare il luogo giusto dove farlo. La prima cosa da verificare è la solidità del terreno. Questo de...
  • Esempio di laghetto artificiale da giardino Realizzare un laghetto artificiale da giardino è molto semplice e poco dispendioso in termini di costi dei materiali. Prima di procedere con la sua realizzazione occorre scegliere il luogo e le dime...
  • Modelli piscine Del Taglia Del Taglia piscine progetta molte tipologie diverse, che vengono suddivise in due categorie: Linea classica e linea design. All'interno della linea classica predominano modelli rotondeggianti e solu...
  • balcone con piante Le nostre città sono un esempio caotico di inquinamento e spesso sono pochi gli spazi dove potersi ritemprare lo spirito, magari immersi nella natura. Per supplire a questa mancanza è frequente e con...

Bestway E-Z-Broom Pole - pool accessories (Broom head, Blue, White, Aluminium, China)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,5€


Biopiscina progettazione

Biopiscina progettazione La progettazione dell'impianto è tra le fasi più importanti nella realizzazione di una qualsiasi bio piscina poiché bisogna stabilire da subito per quale uso sarà adibita, avendo così un'idea delle dimensioni che dovrà avere.. Fondamentali sono anche l'utilizzo di piante acquatiche per la zona di filtrazione dell'acqua e di materiali ecologici ed ecocompatibili tra cui breccia e ghiaia, la collocazione dell'impianto all'interno del giardino, le dimensioni per decidere quante persone potranno fare il bagno, una giusta ombreggiatura ed esposizione solare. Per quanto riguarda le dimensioni sono invece indispensabili la suddivisione dello spazio sia per la zona di balneazione sia per quella di fitodepurazione. In più sono necessari i permessi da richiedere al comune soprattutto se si vuole realizzare questa struttura in quelle zone con particolari vincoli paesaggistici. Grazie alle sue insite caratteristiche l'impianto di una qualsiasi piscina bio potrà essere realizzato senza problemi rispetto ad una piscina tradizionale poiché avrà senza dubbio un impatto positivo sull'ambiente circostante.


Biopiscina costruzione

Biopiscina costruzione Dopo aver fatto realizzare il progetto su carta da dei professionisti, aver stabilito il prezzo e aver deciso il luogo in cui collocare l'impianto e i materiali da utilizzare si può procedere alla creazione della struttura che, di solito, viene terminata in circa 6 settimane. I primi lavori consistono nel posizionare il tosone di protezione sul fondo coperto con lastre di granito per facilitare la pulizia e la costruzione della zona di fitodepurazione. Dopo aver perfezionato lo sterro viene impostato il bordo con un telo di plastica per evitare che l'acqua entri all'interno dell'impianto e viene collocato un efficiente sistema di drenaggio. Quest'ultimo consente all'acqua di circolare e di passare attraverso lo strato di ghiaia. Durante la costruzione, la zona balneabile viene delimitata da quella di rigenerazione indispensabile per le piante acquatiche e si possono creare forme rotonde, ovali e di vario tipo e utilizzare sedie, scale e un impianto solare nel caso si voglia fare un bagno in autunno o in primavera. Infine la piscina viene riempita con l'acqua per avviare la sua fase biologica.


Biopiscina, soluzione naturale e di grande fascino: Piscina naturale

Piscina Naturale Una piscina naturale è una biopiscina o un laghetto balneabile che si basa sul sistema di fitodepurazione ossia di depurazione naturale delle acque, che avviene solo tramite le reazioni biologiche dello zooplancton e delle piante acquatiche. Entrambi filtrano le impurità e assorbono l'azoto e il fosforo per rendere l'acqua limpida e quindi priva di queste sostanze inquinanti e nocive per l'ecosistema acquatico. Di conseguenza si ha un continuo processo di auto rigenerazione delle acque con una fitta presenza di piante sommerse che producono ossigeno e di quelle ornamentali da superficie tra cui i gigli acquatici, le canne palustri e le ninfee. La tecnica della fitodepurazione viene spesso utilizzata nei campeggi per lo smaltimento delle acque sporche e nella naturalizzazione di fiumi, di laghi e di canali inquinati poiché consente ingenti risparmi economici. In più in una piscina naturale è presente anche la zona balneabile e i costi di gestione sono molto inferiori rispetto ad una piscina tradizionale poiché non vengono utilizzati prodotti chimici per il trattamento dell'acqua e non ha bisogno di essere svuotata e coperta nel periodo invernale.