Quanto costa il cartongesso?

Quali sono i costi del cartongesso? E' questa la domanda che, spesso, si ritrovano a porgersi tutte quelle persone che, in vista di una ristrutturazione, devono fare i conti (letteralmente!) con le spese che un intervento di questo tipo comporta.

E' bene rassicurarvi: rispetto ad altri interventi che potreste avere intenzione di effettuare sulla vostra casa, i costi del cartongesso (sia che intendiate realizzare una parete o un controsoffitto - operazioni per le quali il cartongesso è estremamente indicato, anche per la sua semplicità di utilizzo) sono quasi irrisori: si parla, infatti, di circa ventritrè euro per una comunissima parete e di circa ventisette per un controsoffitto.

A questo prezzo, ovviamente, andranno poi aggiunti i lavori di installazione che, nel caso decidiate di non rivolgervi a nessuno, diventano trascurabili.

Ciò che invece non è trascurabile è il costo di pannelli di cartongesso con caratteristiche specifiche, quali, ad esempio, la capacità di resistere alle fiamme e ad elevate temperature o di isolare acusticamente dall'ambiente esterno (una caratteristica utile se si vive in una città caotica o molto vicini ad una strada trafficata).

Parete cartongesso

I pannelli di cartongesso sono composti da due strati esterni di cartone in mezzo ai quali, di solito, vi è uno strato di gesso ed eventualmente altri materiali.

Sono in genere utilizzati nell'edilizia leggera per realizzare pareti, pareti divisorie e controsoffitti; vengono prediletti a causa sia del loro costo, molto basso, che della loro semplicità di utilizzo: niente impedisce, infatti, ad un amante del bricolage di realizzare da sè la sua parete in cartongesso! Questa caratteristica consente, inoltre, un ulteriore abbattimento dei costi della manodopera che, se si trattasse di un altro materiale, farebbero facilmente lievitare il prezzo.

Viene venduto in negozi specializzati, nella forma di pannelli che, di solito, hanno uno spessore di circa 1,2x2 metri; nonostante questo, è comunque possibile trovare lastre dei più svariati formati e con caratteristiche specifiche che, a seconda della vostre personali esigenze, potrebbero tornarvi utili.

Tipi di cartongesso

Come accennato poco fa, ogni lastra di cartongesso, oltre che per le sue dimensioni, può anche distinguersi a causa di specifiche caratteristiche che, a seconda delle vostre esigenze, potrebbero rivelarsi pià o meno utili.

Troviamo, infatti, pannelli di cartongesso ignifughi, in grado di resistere a temperature elevate per un certo tempo senza subire danni o deformazioni; sono l'ideale per rivestire pareti già presenti, in modo da renderle più resistenti alle fiamme e alle alte temperature.

Vi è poi il cartongesso idrorepellente, in grado di resistere all'umidità: è perfetto se vivete in luoghi particolarmente umidi o per quegli ambienti esposti all'acqua, come, ad esempio, bagni e cucine.

Infine, vi sono le lastre antimuffa e insonorizzanti: le prime garantiscono un'elevata resistenza all'umidità e all'acqua, che assorbono in minime quantità, evitando così l'insorgenza indesiderata di muffe; le seconde, invece, permettono di isolare la casa o la stanza dall'ambiente esterno e viceversa: sono perfette nel caso in cui viviate in una città molto rumorosa o in cui la vostra casa sia giornalmente esposta alla confusione di una strada molto trafficata.

Il cartongesso: un po' di storia

Il gesso è un materiale il cui utilizzo può essere ricondotto fin dall'antichità: infatti, è cosa risaputa che già i Babilonesi e gli Egizi ne facessero uso e ne fossero maestri; in seguito, l'utilizzo del gesso venne tramandato nei secoli, fino a raggiungere il suo massimo splendore nel periodo Barocco.

Ad oggi, il gesso viene utilizzato in modo particolare dall'edilizia leggera a causa delle sue doti di resistenza, leggerezza, economicità e facilità di utilizzo, caratteristica che lo rende facilmente utilizzabile dagli amanti del bricolage per piccoli interventi di ristrutturazione nelle proprie abitazioni.

In modo particolare, più che il gesso, viene utilizzato un nuovo tipo di materiale: il cartongesso.

Creato nel diciannovesimo secolo, negli Stati Uniti, il cartongesso si presentava come un materiale composto da due strati di cartone in cui, all'interno, riposava uno strato di gesso.

Utilizzato fin dall'inizio per la realizzazione di pareti e controsoffiti, ancora oggi viene utilizzato per il medesimo scopo.

Naviga per:

Potrebbe interessarti anche