I passi giusti per scegliere lo specchio per il bagno

Quali sono le misure dello specchio per il bagno

Un bagno senza specchio è un bagno incompleto. Ma come scegliere quello giusto? Cominciamo dalle misure. Lo specchio per il bagno si colloca sopra il lavabo ed è importante che tutte le persone che usano la stanza in questione possano guardare il proprio volto, il collo e parte del busto senza difficoltà: questa la prima regola.

Un trucco per non sbagliare? Fate in modo che il centro dello specchio coincida con gli occhi di una persona di statura media, cioè alta 165 cm. Lo specchio del bagno, inoltre, non deve risultare troppo grande ma neppure troppo piccolo rispetto all’ambiente stesso, alla parete in cui viene appeso e al lavabo o mobile lavabo sottostante.

Tenete presente un’altra questione importante: generalmente, il bordo superiore dello specchio bagno deve corrispondere a un’altezza di 185 cm da terra. Ed è meglio lasciare un po’ di spazio rispetto al livello, almeno una decina di centimetri, anche se qualcuno preferisce una distanza ridotta ai minimi termini. In foto vi mostriamo lo specchio Flash di Antonio Lupi Design: l’altezza varia da 50 a 150 cm e la lunghezza da 72 a 216 cm.

Come scegliere il pensile da abbinare allo specchio del bagno

I pensili bagno sono utilissimi per sistemare, tenere in ordine e avere sempre a portata di mano oggetti di uso quotidiano come creme, pettini, deodoranti, profumi e via dicendo. E posizionare un pensile proprio accanto specchio bagno, oppure due pensili, uno per ogni lato dello specchio, è un’idea vincente.

Diciamo subito che non è raro trovare uno specchio che abbia già il pensile o i pensili abbinati; in foto, per esempio, vi mostriamo un pensile bagno componibile appartenente alla collezione Lapis di Birex. La componibilità è fondamentale, perché permette di ottenere soluzioni su misura.

Se invece avete uno specchio ma vi manca il pensile, sappiate che non è affatto un problema. In commercio si trovano molti pensili di dimensioni, colori, forme e finiture differenti. Fate però in modo che lo stile corrisponda a quello degli altri arredi presenti nel bagno, altrimenti il risultato può risultare troppo caotico e privo di armonia.

I vantaggi dello specchio bagno con contenitore

Gli specchi bagno con contenitore, o armadietti a specchio che dir si voglia, rappresentano una soluzione salvaspazio semplicemente perfetta, il modo ideale per sfruttare al massimo la superficie sopra il lavabo bagno. I mobiletti pensili con specchio sono disponibili in un’infinità di versione, quindi è facile trovare quello giusto.

Consigliamo di puntare su un modello minimal, essenziale, perché l’ingombro è ancora più ridotto e la resa estetica all’insegna di un’eleganza moderna. Alcuni armadietti bagno con specchi sono dotati di lampade integrate: un plus in termini di comodità e praticità.

Se il bagno è proprio piccolo, scegliete un modello con una sola anta, altrimenti è preferibile un modello con due o tre ante: in questo caso, infatti, mentre una persona – per esempio – si lava i denti, l’altra può pettinarsi o truccarsi. E si risparmia pure tempo. In foto vedete Joy di Arlex Italia, caratterizzato dall’alternanza di vani a giorno e contenitori chiusi da ante a specchio.

Perché acquistare uno specchio bagno con luce integrata

Lo specchio del bagno deve essere illuminato nel modo giusto, altrimenti non si ha la possibilità di prendersi cura del proprio viso con ottimi risultati e in ogni dettaglio. I modi per illuminare lo specchio? Tanti. Da qualche tempo, però, molto richiesti sono gli specchi bagno con illuminazione integrata.

Si tratta innanzi tutto di una questione di comodità, poiché non occorre acquistare separatamente lo specchio del bagno e la relativa fonte di illuminazione, quindi non si perde tempo alla ricerca di una buona soluzione. Ma è anche un fatto di funzionalità e praticità.

Nel caso degli specchi da bagno con luce integrata, infatti, si ha la certezza assoluta che quest’ultima sarà adeguata alla forma e alle dimensioni dello specchio, dunque calibrata al meglio. Insomma, non ci si deve scervellare correndo il rischio di sbagliare. Infine consideriamo l’estetica: gli specchi con luce annessa sono, nella maggior parte dei casi, di grande impatto. In qualche caso, persino scenografici. In foto una dimostrazione: Wedge di Boffi.

Naviga per:

Potrebbe interessarti anche